.::Articolo della Rubrica Tornate::.
TORNATA DEL 21 APRILE 2013

TORNATA DEL 21 APRILE 2013

Concilio Vaticano II
Costituzione dogmatica sulla Chiesa « Lumen Gentium », § 56( © Libreria
Editrice Vaticana, riv.)

“Ecco l'ancella del Signore”

    Il Padre delle misericordie ha voluto che l'accettazione da parte della
predestinata madre precedesse l'incarnazione, perché così, come una donna
aveva contribuito a dare la morte (Gen 3), una donna contribuisse a dare la
vita. Ciò vale in modo straordinario della madre di Gesù, la quale ha dato
al mondo la vita stessa che tutto rinnova e da Dio è stata arricchita di
doni consoni a tanto ufficio. Nessuna meraviglia quindi se presso i santi
Padri invalse l'uso di chiamare la madre di Dio la tutta santa e immune da
ogni macchia di peccato, quasi plasmata dallo Spirito Santo e resa nuova
creatura.  Adornata fin dal primo istante della sua concezione dagli
splendori di una santità del tutto singolare, la Vergine di Nazareth è
salutata dall'angelo dell'annunciazione, che parla per ordine di Dio, quale
« piena di grazia » e al celeste messaggero essa risponde « Ecco l'ancella
del Signore: si faccia in me secondo la tua parola ».     Così Maria,
figlia di Adamo, acconsentendo alla parola divina, diventò madre di Gesù, e
abbracciando con tutto l'animo, senza che alcun peccato la trattenesse, la
volontà divina di salvezza, consacrò totalmente se stessa quale ancella del
Signore alla persona e all'opera del Figlio suo, servendo al mistero della
redenzione in dipendenza da lui e con lui, con la grazia di Dio
onnipotente. Giustamente quindi i santi Padri ritengono che Maria non fu
strumento meramente passivo nelle mani di Dio, ma che cooperò alla salvezza
dell'uomo con libera fede e obbedienza, divenendo «con la sua obbedienza
causa di salvezza per sé e per tutto il genere umano » (Sant'Ireneo).





Data: 09/06/2013
Fonte: sommaia
Copyright 2021 Confraternita del SS. Sacramento e della Immacolata Concezione di M.V.   |   L.n.W. CathoWeb
Indirizzo IP: 3.238.173.209Tempo di elaborazione della pagina: 0,0469 secondi